Nanni Moretti

Fu proprio al Filmstudio  negli anni ’75-’76 che si cominciò a parlare di Giovane cinema italiano per definire una serie di film indipendenti che non potevano essere fatti rientrare nei filoni classici dell’underground o del cinema militante.
Erano film prodotti in maniera indipendente generalmente dagli stessi autori, girati in Super8 o in 16mm, la cui costante era il recupero del “narrativo” e un dichiarato disprezzo per la sperimentazione.

Il 14 dicembre del 1976, un giovane filmaker sconosciuto, alto, magro, con i capelli lunghi di nome Nanni Moretti, esordì al Filmstudio con il suo primo lungometraggio “Io sono un autarchico” (girato in Super8). Inaspettatamente il film esplose. Fu un successo travolgente.

“Io sono un autarchico” irruppe nella scena cine-socio-politico-culturale del momento come il film che molti,  senza saperlo, stavano aspettando.
Al Filmstudio, in oltre tre mesi di programmazione, il film fu visto e apprezzato,  tra gli altri, da numerosi e influenti big del mondo del cinema, del giornalismo, della cultura, dell’arte e della politica (non solo di sinistra). Nel giro di qualche mese il giovane filmaker sconosciuto, alto, magro e con i capelli lunghi era diventato il noto regista Nanni Moretti.

Il successo di “Io sono un autarchico” scatenò una folta schiera di giovani epigoni, ansiosi di ripetere l’impresa del loro odiato-amato maestro. Già alla fine del ’77, nel ’78 e nel ’79 la quasi totalità dei giovani filmaker  che proponevano i loro film all’attenzione del Filmstudio “volevano essere tutti Nanni Moretti.”

In quegli anni io e Americo Sbardella (il fondatore del Filmstudio che ci ha lasciato il 20-6-2017) avevamo organizzato diverse rassegne collettive dedicate al fenomeno del Giovane cinema italiano. La più corposa, dopo una lunga e appassionata preparazione,  la presentammo nell’ottobre del 1981. Il programma, diviso in sei sezioni, comprendeva 44 film inediti (corto-medio e lungometraggi in Super8 e in 16mm) di 24 autori e 6 autrici.

Torna alle Storie del Filmstudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.